Uomini e Trasporti, EDITORE FEDERSERVICE pulizia uggs

ARCHIVIO

Torna all'elenco degli articoli

Anno XXIII n. 201 Ottobre 2004

Diesel, rivoluzione “pulita” in arrivo
di Luca Regazzi

Anno nuovo, camion nuovo.
?alle porte il grande cambiamento della normativa Ue contro le emissioni inquinanti di ossido d’azoto e particolato: tutte le grandi case si stanno preparando con la produzione di nuovi veicoli – alcuni gi?n commercio – equipaggiati con catalizzatori selettivi e serbatoi d’urea. Cosa ci aspetta?? Aria pi?ita e – purtroppo – portafoglio? pi?gero.

 

Un cambiamento epocale attende al varco il mondo dell’autotrasporto. Nell’ottobre 2006 entrer?fficialmente in vigore la normativa antinquinamento Euro 4. Le nuove disposizioni Ue stabiliscono per i camion di domani – un domani ormai alle porte – precisi limiti sulle emissioni di ossido d’azoto e di particolato, da ottenere o attraverso l’ottimizzazione del processo di combustione o con un dispositivo di trattamento dei gas di scarico che riduca fortemente le emissioni inquinanti.

In realt? tempi sono ancora pi?etti di quel che si potrebbe pensare, visto che gi? partire dal 2005 la maggior parte delle grandi case costruttrici di veicoli industriali cominceranno a produrre in serie i nuovi veicoli dotandoli perlopi?catalizzatore selettivo, proprio per renderli maggiormente ecocompatibili e puliti.

? solo la prima fase di una forte sterzata voluta dalla Ue sul fronte della lotta all’inquinamento, che si completer?ell’ottobre 2009 con l’entrata in vigore delle norme Euro 5, ancora pi?ide e vincolanti, e col successivo Euro 6 del 2011. Ed ?acile capire come una tale rivoluzione avr?otevoli ripercussioni sulla vita dell’autotrasportatore. Lo scopo finale – un’aria pi?pirabile – ?icuramente giusto e nobile, ma le ripercussioni sui costi saranno molto rilevanti. Anche se, in teoria, si potrebbe continuare per un po’ a lavorare in Euro 3, ?hiaro che il passaggio a normative pi? rigide ?rmai ineluttabile e tutto sommato vedremo che appare conveniente per gli operatori del settore giocare d’anticipo, in particolare per quanto riguarda l’Euro 4.

Vista la novit?ella situazione, sono molte e complesse le domande e i dubbi che assillano l’autotrasportatore. Vediamo allora di fare un po’ di chiarezza.

 

C’era una volta l’Euro 3, poi arriva l’Euro 4 e cambia tutto

Quando con l’Euro 3 si ?ercato di ridurre il particolato e gli ossidi d’azoto delle emissioni dei veicoli industriali, la soluzione non ?tata complicata. ?bastato migliorare la resa e la pulizia del motore, lavorando sulla fase di iniezione e mantenendo senza grosse difficolt?a redditivit?el veicolo. Oggi per? ?rrivati al limite, nel senso che la maggioranza degli esperti e delle case concorda che i parametri Euro 4 non siano raggiungibili con semplici miglioramenti tecnologici e neppure col ricircolo dei gas di scarico, che presentano la notevole controindicazione di diminuire pesantemente il rendimento del motore. Ecco dunque che l’unica strada percorribile ?iventata quella del trattamento di pulizia dei gas di scarico stessi.

 

AdBlue, aiutami tu

La grande maggioranza dei produttori di veicoli industriali dell’Europa occidentale (DAF, Iveco, Mercedes-Benz, Renault Trucks e Volvo Trucks) si ?os?chierata a favore del controllo delle emissioni attraverso l’utilizzo della tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction= riduzione catalitica selettiva). Se si pensa che complessivamente queste case rappresentano insieme circa l’80% del mercato europeo dei truck si pu?pire la portata di questa scelta.

Il sistema ?span>tutto sommato semplice. Nei nuovi mezzi ?revista, accanto al serbatoio del gasolio, un secondo contenitore pi? piccolo (si va dai 90 ai 145 litri circa), che contiene AdBlue, nome commerciale di una soluzione di acqua demineralizzata e urea al 32,5%. L’urea ?n composto dell’ammoniaca, ampiamente impiegato in agricoltura, di buona disponibilit?ul mercato, non tossico n?splosivo e quindi non soggetto a norme Adr. E inoltre, nonostante le facili battute (l’urea ?no dei componenti organici dell’urina), non ha alcun odore sgradevole. Grazie ad un convertitore catalitico e con l’ausilio di precise quantit?span>di AdBlue vaporizzato nel flusso ad alta temperatura dei gas combusti, la tecnologia SCR riduce le emissioni nocive di ossidi di azoto (NOx), convertendole in acqua e in innocuo azoto. Inoltre la centralina elettronica di controllo del motore dosa opportunamente l’additivo AdBlue prelevato da un apposito serbatoio e lo inietta nei gas di scarico caldi, dove l’urea viene idrolizzata in ammoniaca (che sarebbe impossibile stoccare in altro modo in quanto materiale pericoloso).

 

Un passaggio non indolore

La conseguenza pi?orosa nel passaggio dall’Euro 3 all’Euro 4 si percepir?span>comunque nel momento in cui si decide di cambiare un veicolo (in ogni caso, il sistema SCR non ?dattabile al vecchio motore). A quel punto i costi delle imprese, specie di quelle con flotte di dimensioni ragguardevoli, saliranno notevolmente con una stima che, senza i listini alla mano, ?ggi difficile stabilire, ma che sar? sicuramente impattante.

I nuovi propulsori risulteranno infatti notevolmente pi?tosi di quelli attuali. Oltre alle decine di milioni di euro che ogni Casa produttrice di autocarri o di motori ?ostretta a investire nello sviluppo di motori capaci di soddisfare i futuri severi criteri sulle emissioni, l’aggiunta di sistemi come gli impianti DeNOx far?enz’altro lievitare i costi di produzione dei veicoli.

Il tutto ?na piccola rivoluzione perch?fino ad oggi, l’introduzione delle nuove norme Euro 1, 2 e 3 aveva avuto effetti tutto sommato sopportabili sul prezzo dei veicoli. La regola ?emplice: pi?iti i gas di scarico, pi?toso il motore. Del resto – si dice – anche un ambiente pulito ha il suo prezzo. Questo vale per gli acquirenti dei veicoli industriali, ma soprattutto per i clienti da essi serviti, cio?li spedizionieri. Affinch?span> i vettori possano riguadagnare gli investimenti supplementari che saranno richiesti in futuro per i veicoli pi?iti, ?ndispensabile un sostanziale aumento degli utili al chilometro. La domanda irrisolta ? perch?oi i costi ambientali debbano essere a carico solo dei trasportatori e non invece diventare un costo sociale, visto che poi tutti beneficeranno della maggiore pulizia dell’aria…

A parzialissima consolazione va detto che chi investe nell’SCR risolve i suoi problemi anche per l’Euro 5, visto che la nuova tecnologia possiede le risorse potenziali per quegli standard ancor pi?idi, con poche operazioni di adattamento.

 

Consumi pi?si, ma i costi complessivi rimangono pressoch?span>invariati

Oltre agli indubbi vantaggi ambientali, le case costruttrici hanno calcolato che un camion dotato della tecnologia SCR consuma approssimativamente dal 2 al 7% in meno di carburante rispetto ad un veicolo paragonabile Euro 3. Ovviamente c’?a considerare in pi? dispendio della miscela urea/acqua, che ?alcolato sul 3-5% rispetto a quello del gasolio. Per 100 km si consumano quindi 1,6 lt di AdBlue e quindi su una percorrenza annua standard di 100.000 km. siamo intorno ai 1.600 lt. di miscela. Se il veicolo ?otato di un serbatoio da 90 litri, esso avr?unque un’autonomia di oltre 7.500 chilometri.

Alla fine della fiera il risparmio di costi sul carburante viene pressoch?ilanciato dal costo aggiuntivo dell’additivo, che secondo le prime stime sar?ntorno allo 0,5-0,8 euro per litro (oggi ? all’0,6%), con in pi?8217;Iva al 20%.

In verit? costruttori parlano di un decremento medio del 2,5-3% sui consumi per un camion di 40 ton, ma anche loro ammettono che i costi di gestione dei nuovi truck a lunga percorrenza non aumenteranno n?iminuiranno rispetto a quelli Euro 3, ovviamente con la drastica riduzione delle emissioni inquinanti. L’abbassamento dei livelli di inquinamento non opera invece sulle prestazioni del veicolo, che restano inalterate.

Con l’Euro 5, invece, il camionista sar?ndubbiamente penalizzato dal punto di vista economico, visto che la percentuale di AdBlue rispetto al consumo di gasolio salir?l 7%.

 

Agevolazioni fiscali in molti Paesi Ue, ma per l’Italia ancora nulla

Uno degli argomenti pi?isivi per l’adozione dell’SCR ?uello delle agevolazioni fiscali.

Parecchi Paesi europei – purtroppo non l’Italia – stanno gi? incoraggiando l’adozione anticipata della conformit?gli standard Euro 4 ed Euro 5 grazie a incentivi come ridotti pedaggi stradali (per es. 10 invece di 12 cent/km in Germania) oppure tassi di ammortamento pi?orevoli per i veicoli opportunamente equipaggiati (per es. in Olanda). In Austria – almeno sulla carta – meno si inquina meno ecopunti si pagano. Numerosi sono poi i progetti di incentivi in ballo, come le sovvenzioni in Germania e Olanda, che dovrebbero superare i costi per l’aggiornamento dei veicoli, o l’idea svizzera e austriaca di introdurre una tassa di transito variabile sulla base della pulizia dei gas di scarico. Sempre in Germania, dal gennaio 2005, ? prevista l’introduzione di tariffe agevolate sul pedaggio (-20%) per gli autocarri di portata superiore a 12 ton che ottemperino all’Euro 4, fino al 2006, e poi per gli Euro 5: un risparmio di circa 2.000-3.000 euro all’anno, ipotizzando 100.000 chilometri di percorrenza su strade soggette a pedaggio. Anche in Scandinavia, Gran Bretagna e Spagna esistono programmi che prevedono agevolazioni fiscali o sovvenzioni dirette.

E l’Italia? Per il momento il governo ha varato un decreto che prevede per gli autotrasportatori, dal prossimo 2005, alcuni sconti sui pedaggi autostradali tarati sul livello di inquinamento, penalizzando i motori non in regola con le norme Ue. In particolare gli Euro 0 non avranno diritto a sconto, agli Euro 1 lo sconto sar?imezzato, mentre Euro 2 e 3 avranno la riduzione completa. ?dunque probabile – e auspicabile – che chi arriver?d Euro 4 e 5 godr? di vantaggi e agevolazioni ulteriori.

 

Quali saranno per?ancora ignoto.

La questione ?i notevole importanza, perch?’adozione della tecnologia SCR pu?sere vantaggiosa o meno a seconda dell’ambito in cui trova applicazione. Facciamo un paio di esempi. Uno spedizioniere olandese che effettua 75 volte l’anno la tratta Utrecht-Bolzano-Utrecht percorre, in quell’arco di tempo, ben 120.000 km su autostrade tedesche. Usando un veicolo con SCR anzich?span>uno Euro 3, ogni anno potr?isparmiare, fino all’ottobre 2009, circa 3.600 euro sui costi di pedaggio. Inoltre potr?eneficiare anche di eventuali agevolazioni fiscali grazie ai programmi di ammortamento agevolati. A tutto ci? aggiunge il pur piccolo risparmio sui costi d’esercizio reso possibile dalla nuova tecnologia e il maggior valore residuo di un mezzo omologato Euro 4. Viceversa un autocarro di una flotta di veicoli da distribuzione di un’azienda francese che percorre circa 50.000 chilometri l’anno, di cui 5.000 su autostrade tedesche, lungo la tratta da Strasburgo a Friburgo, avr?n risparmio sul pedaggio tedesco piuttosto contenuto e inoltre, secondo la legislazione attuale, il governo francese non concede agevolazioni fiscali. Questo spedizioniere opter?span> quindi per i nuovi motori solo alle rispettive scadenze obbligatorie, poich?na scelta anticipata non gli offrirebbe vantaggi concreti.

 

Manutenzione senza problemi e lunga autonomia, la qualit?el gasolio incide poco

In altri settori l’SCR non incontra particolari controindicazioni. Il sistema non richiede infatti manutenzione specifica ed ?rogettato per l’intera durata del veicolo. Inoltre non influisce sugli intervalli di assistenza e di cambio olio del veicolo.

Anche la qualit?el gasolio, almeno in teoria, non comporta grosse difficolt?SCR ?ompatibile a livello europeo con carburanti diesel di qualit?ifferente. L’ideale sarebbe utilizzare gasolio a basso contenuto di zolfo (50 parti anzich?50 su 1 milione), ma ?span> improbabile che tale combustibile possa facilmente essere disponibile ovunque, specie nell’Est europeo. Comunque il contenuto di zolfo incide marginalmente sul catalizzatore selettivo, mentre pu?sere pi? nocivo per il dispositivo di iniezione o abbreviare la vita del filtro per il particolato. Altri vantaggi della tecnologia SCR includono un’ottima affidabilit? una lunga autonomia, proporzionalmente alla capacit?el serbatoio per l’AdBlue.

 

Dove faccio rifornimento di urea?

Un’altra preoccupazione riguarda la rete di distribuzione dell’AdBlue. Se la disponibilit?ell’additivo ? garantita dai principali produttori europei di urea, gi?n grado di coprire sei Paesi europei, la rete di fornitura ?ncora in fase di formazione, anche se in Germania esistono gi?mpianti funzionanti (Berlino, Stoccarda, Dingolfing e Vomp). A regime sono previste comunque pompe dedicate presso le stazioni di servizio e pompe combinate diesel/AdBlue con contatori separati ed emissione di un singolo scontrino per entrambi i prodotti. Certo che fino a che la rete non sar?ompletata i trasportatori dovranno probabilmente dotarsi di serbatoi aggiuntivi, tipo il 145 litri che assicura un’autonomia di oltre 10.000 km. Ne consegue che in questo modo si riduce – e non di poco – il carico massimo trasportabile e che comunque si parla di ulteriori spese.

Si pensa anche a cisterne – fino a 25.000 litri – per l’approvvigionamento delle grandi flotte, vedi spedizionieri, autoporti e stazioni aziendali.

Parallelamente all’introduzione di questa nuova tecnologia anche le aziende chimiche e petrolifere si stanno preparando per assicurare la regolare fornitura di AdBlue necessaria. L’austriaca OMV e la francese Total stanno in questo senso sviluppando le strategie per l’implementazione della tecnologia SCR per i veicoli commerciali, sostenendo nel contempo i test finali con i nuovi sistemi di post-trattamento.

Infine una curiosit?ievemente inquietante. Visto che l’urea si solidifica a -10? – problema che nel serbatoio di bordo ?tato risolto con un rivestimento esterno coibentato – ?hiaro che anche le pompe di distribuzione delle aziende di trasporto dovranno, in certi contesti, posizionare i serbatoi di additivo in un luogo riparate e protetto. Risultato: spese ulteriori.

 

Euro 4, 5, 6… ma non potevamo pensare all’idrogeno?

In conclusione vogliamo sgombrare il campo dagli equivoci. Tanto dal punto di vista del consumo, quanto da quelli della rumorosit? delle emissioni di scarico, negli ultimi anni sono state effettuate grandi conquiste. Basti considerare gli sviluppi nel settore delle emissioni di rumore, dove dodici camion di oggi hanno lo stesso impatto acustico di un unico camion di una volta. ?un dato che rende superfluo qualsiasi commento. Gli esempi, in questo senso, sono molti e dimostrano ci?e la tecnica ?n grado di fare, a condizione che la coscienza ecologica diventi parte integrante di tutti i processi aziendali.

La sottile critica al “nuovo mondo” che ci aspetta, dunque, non deve essere vista come concezione retrograda della qualit?ella vita. Noi, come chiunque, siamo a favore di un’aria pi? pulita, ci mancherebbe. Quello che ci rende un po’ perplessi ? la scelta di arrivare alla meta adottando sistemi sempre pi?trittivi, con tappe che comportano adeguamenti ripetuti in un arco temporale tutto sommato troppo breve e che crea molte difficolt?gli operatori del settore.

Provocatoriamente diciamo: non era meglio fin dal principio dedicare le molte energie spese alla ricerca di sistemi veramente alternativi che, oltre a perseguire l’obiettivo “inquinamento zero”, potevano liberarci dal giogo petrolifero? A quando quella tecnologia ad idrogeno di cui si parla da ormai troppi anni? Esiste una volont?n questo senso o ci sono lobbie troppo potenti da combattere? In attesa delle risposte, prepariamoci a mettere la mano al portafogli, come sempre.?? n

 

Vantaggi

- ?? Miglioramento qualit?ell’aria

- ?? Consumi pi?si di gasolio

- ?? Agevolazioni fiscali ed incentivi

- ?? Buona autonomia

- ?? Affidabilit?span>

- ?? Manutenzione semplice

- ?? Utilizza qualsiasi tipo di gasolio

 

 

Svantaggi

- ?? Veicoli pi?tosi

- ?? Consumo della miscela urea/acqua

- ?? Iniezione pi?lecitata

- ?? Minore durata filtro particolato

- ?? Rete fornitura AdBlue in costruzione

- ?? Riduzione carico max trasportabile

- ?? Serbatoi AdBlue da termoisolare

 

Cosa sono gli ossidi di azoto

Gli ossidi di azoto (NOx) si formano durante la combustione quando l’ossigeno reagisce ad alta temperatura con l’azoto nell’aria. Riducendo gli ossidi di azoto, il consumo di carburante aumenta e viceversa. Ecco perch?lmeno sulla carta un motore tanto pi?an> ?n regola con le normative euro, tanto pi?suma

Livelli massimi di emissione (g/kWh)

8,0??????????? 7,0???????????? 5,0?????????? 3,5????????? 2,0

Euro 1????? Euro 2??????? Euro 3????? Euro 4???? Euro 5

 

Cos’?l particolato

Il particolato (PM) nei gas di scarico ?ostituito da fini particelle di carbonio (fuliggine) che si formano nelle parti a basso contenuto di ossigeno della fiamma di combustione. Gli idrocarburi incombusti e lo zolfo nel carburante di bassa qualit? aumentano il consumo di particolato. Ecco perch?n gasolio ad alto tenore di zolfo pu?ttere in difficolt?ell’applicazione della normativa Euro 4.

Livelli massimi di emissione (g/kWh)

0,36 ???????? 0,15 ??????? 0,10 ???????? 0,02 ??????? 0,02

Euro 1????? Euro 2????? Euro 3?????? Euro 4????? Euro 5

 

E Mercedes gioca d’anticipo. A Gennaio 2005 esordisce Bluetec, propulsore ‘ecologico’ e risparmioso

Si comincer?a gennaio 2005 con i veicoli per il trasporto di linea, con classi di potenza comprese tra 235 kW (320 CV) e 300 kW (408 CV), poi l’offerta sar?stesa gradualmente a tutte le gamme di autocarri, dalla distribuzione al cantiere ai veicoli? speciali, fino al fatidico ottobre 2006.

Stiamo parlando di BlueTec 4, nuova generazione di propulsori tecnologicamente avanzati per i veicoli industriali Mercedes-Benz che soddisfa le normative Euro 4 ed Euro 5. Con largo anticipo sulla data di legge per tutti i veicoli industriali di nuova immatricolazione, Daimler-Chrysler ha quindi gi? pronta una famiglia completa di autocarri di linea dotati della nuova tecnologia diesel BlueTec, presentata ufficialmente alla fiera IAA di Hannover.

Il sistema BlueTec abbina interventi motoristici mirati alla tecnologia SCR: un propulsore che presenta un processo di combustione ottimizzato per contenere l’emissione di particolato e degli ossidi di azoto (fino all’80%) e che riduce al tempo stesso anche il consumo di gasolio.

Inizialmente Daimler-Chrysler propone i modelli equipaggiati con il nuovo motore a sei cilindri da 12 litri della serie OM 501 LA, con pressioni di picco elevate. Con il lancio dei nuovi veicoli BlueTec, l’Actros 1848 da 350 kW (476 CV), in grado di erogare una coppia massima di 2.300 Nm, diverr?l nuovo modello di punta della gamma a sei cilindri. A partire dal maggio 2005 debutteranno poi sul mercato gli otto cilindri della serie OM 502 LA, anch’essi completamente rivisti e con prestazioni ottimizzate in termini di coppia e potenza. I nuovi modelli sono contraddistinti dalle sigle 1851, 1855 e 1860, erogano potenze nominali di 375 kW (510 CV), 405 kW (551 CV) e 440 kW (598 CV) nonch?oppie nominali di 2.400, 2.600 e 2.800 Nm. Dal luglio 2005 seguiranno infine i trattori stradali Axor con BlueTec.

Tra i principali interventi apportati al motore base per ridurre le emissioni a monte del sistema di depurazione e al tempo stesso contenere ulteriormente il consumo di gasolio, va annoverato l’incremento del rapporto di compressione da 17,75:1 a 18,50:1, a cui si accompagna l’aumento della pressione d’accensione massima da 170 a 180 bar. La centralina della gestione del motore Telligent comanda l’iniezione selettiva di gasolio in funzione del carico, tramite nuovi polverizzatori a sette fori. Per garantire la resistenza strutturale richiesta da questo processo di combustione molto pi?an> efficiente dal punto di vista energetico, gli ingegneri motoristi hanno riprogettato ex novo numerosi particolari della serie 500. Per i monoblocchi, per esempio, viene utilizzato un nuovo materiale e cio?a ghisa granitica vermicolare (GGV), che nei sei cilindri con potenze a partire da 300 kW (408 CV) e negli otto cilindri a partire da 405 kW (551 CV) sostituisce la ghisa grigia ancora in uso per le varianti meno potenti.

Al considerevole aumento della pressione d’accensione e alle conseguenti maggiori sollecitazioni dei componenti sono stati adattati anche la struttura delle teste cilindri ottenute per fusione, i cuscinetti di biella e di banco, nonch?’intero sistema di tenuta. Le valvole di aspirazione e di scarico e la relativa tenuta mediante l'adozione di guarnizioni toroidali (O-ring) sono state modificate di conseguenza.

Inoltre la serie 500 ?tata predisposta in modo da poter rendere disponibile il turbobrake, gi?mpiamente collaudato sulla gamma Axor, anche per gli Actros, e questo a partire dalla seconda met?el 2005. Per il sei cilindri da 12 litri saranno disponibili potenze del freno motore superiori a 400 kW, che per il V8 con 16 litri di cilindrata supereranno addirittura i 500 kW.???????

 

Gamma motori mercedes euro 4 ed euro 5

Tipo di veicolo?????? Potenza nominale??? Coppia nominale

???????????????????????????????? in kW/CVa?????????? in Nm a 1 080

????????????????????????????? 1.800 giri/min???????????? giri/min

????????????? Motori OM 501 LA a sei cilindri a V

1832 Euro 5 / Euro 4??? 235 / 320???????????????? 1 650?????????

1836 Euro 5/ Euro 4???? 265 / 360???????????????? 1 850?????????

1841 Euro 5/ Euro 4???? 300 / 408????????????????? 2000?????????

1844 Euro 5/ Euro 4???? 320 / 435????????????????? 2100?????????

1846 Euro 5 / Euro 4??? 335 / 456????????????????? 2200?????????

1848 Euro 5 / Euro 4???? 350/476?????????????????? 2300?????????

?????????????? Motori OM 502 LA a otto cilindri a V????

1851 Euro 5 / Euro 4???? 375/510?????????????????? 2400?????????

1855 Euro 5/ Euro 4???? 405 / 551????????????????? 2600?????????

1860 Euro 5 / Euro 4??? 440 / 598????????????????? 2800?????????

 ugg bébén>

L’altra via. Per man e scania soluzione controcorrente, combustione migliorata e ricircolo dei gas

Non tutte le case costruttrici hanno scelto la soluzione del post-trattamento dei gas di scarico per rispettare gli standard Euro 4. L’alternativa ?tata quella di continuare a lavorare direttamente sull’evoluzione del motore, operando all’interno della camera di combustione per ottimizzare il processo di combustione interna. Si ottiene cos?n motore pi?ito senza dover intervenire sulle emissioni con un catalizzatore pi? a valle. ?questa la scelta di Scania e Man. In particolare, la casa svedese ha indirizzato i suoi sforzi sull’iniezione e sul ricircolo dei gas di scarico. Pi? precisamente si ?artiti dall’HPI, un sistema potenziato di iniezione ad alta pressione sviluppato con Cummins, in modo da ottimizzare la combustione e ridurre i consumi, dando anche un drastico taglio (80%) alle emissioni di particolato (PM). Poi si ?ggiunto l’EGR, un impianto innovativo direttamente progettato da Scania che rimette in circolo i gas di scarico, li fa abbassare di temperatura con il sistema di raffreddamento del motore e quindi li indirizza nel collettore di aspirazione. E proprio con questa “iniezione raffreddata” la temperatura della combustione diminuisce, riducendo del 30% la formazione di Nox. Alla fine, per far s?he nel motore si convogli la giusta quantit?i gas di scarico, si chiama in causa il turbocompound, tecnologia basata su un secondo turbocompressore che ricava maggiore quantit?span>di energia dai gas di scarico per incrementare la potenza e migliorare prestazioni e consumi. ?cos?ossibile conservare i costi operativi di un motore Euro 4 ai livelli di un Euro 3. Questo sistema ?pan>? gi?span>in commercio da settembre 2004 sul motore da 11,7 litri di cilindrata, 6 cilindri in linea e 420 CV di potenza con cui Scania equipaggia una delle possibili varianti della Serie R.

Il vantaggio ?uplice: si conservano pressoch? invariati i consumi e non si deve ricorrere alla soluzione con utilizzo di urea che, come abbiamo visto, inizialmente potrebbe essere problematica dal punto di vista della disponibilit?Anche l’SCR, in futuro, sar?er?ottato per altre versioni di motori (come il V8) dove diventa difficile operare con basse temperature di combustione. Il futuro si chiama iniezione per compressione con l’HCCI, un sistema basato sulla miscelazione di aria e carburante prima che questi arrivino alla camera di combustione. Anche la Man ha scelto di battere la strada dell’alta pressione dell’iniezione, con la serie di motori D20, risultato di quattro anni di progettazione e sviluppo e di 200 milioni di euro di investimento. Semplice e leggero, common rail di seconda generazione, il D20 ha una pressione di iniezione aumentata a 1.600 bar e una compressione del gasolio costante, resa indipendente dal momento e dalla quantit? dell’iniezione. In questo modo i nuovi motori avranno una combustione ottimizzata che li porter? consumare meno (-5%) e inquinare nei limiti, visto che il propulsore pu??ispettare l’Euro 4 e, con qualche adattamento, anche l’Euro 5. In proiezione, il passo successivo sar?uello di aumentare dal 15 al 30% la percentuale di ricircolo dei gas di scarico, frazionando l’iniezione in 5-6 cariche stratificate.

 

Intervista a Paolo Ugg?span>, sottosegretario ai Trasporti

“SUI PEDAGGI 2005 FAVORITO CHI NON INQUINA. E AGLI EURO 4 SCONTI SULLA TASSA DI POSSESSO”

 

Sottosegretario Ugg?span>, la nuova direttiva del ministro Lunardi per il rinnovo della convenzione sugli sconti autostradali agli autotrasportatori, introduce una modifica innovativa e importante…

Certamente. Il principio contenuto nel provvedimento del Ministro ?he lo sconto dei pedaggi autostradali sar?odulato a seconda della categoria Euro in cui rientra il veicolo. Sostanzialmente si prevede che, a fronte di una detrazione che ogni trasportatore pu?tenere per effetto del fatturato che realizza sulle autostrade, gli sconti saranno applicati in pieno soltanto ai veicoli Euro 2 e Euro 3, pi?vi, pi?icienti, meno pericolosi e meno inquinanti. Quelli immatricolati Euro 1 avranno diritto solo alla met?ella riduzione, mentre gli Euro 0 pagheranno la tariffa intera. Facciamo un esempio: se un autotrasportatore ha diritto a 500 euro, perch?o sconto maturato ?ari al 13-15% sul fatturato fatto sulle autostrade, con Euro 0 non incassa nulla, con Euro 1 met?omma (250 euro), con Euro 2 o 3 tutto (500 euro).

?uno dei tanti provvedimenti che state prendendo sul fronte della lotta all’inquinamento…

Non solo, anche a favore della sicurezza. ? fondamentale? svecchiare il parco circolante di veicoli industriali, perch?hiaramente mezzi con tecnologie pi?ve inquinano meno e sono pi?uri.

Quando verr?span> attuata la nuova direttiva?

Dal 2005, non potevamo certo cambiare criteri a met? anno. Adesso dobbiamo capire come tecnicamente possiamo impostare la cosa. Abbiamo gi?reato con le associazioni una commissione per trovare un meccanismo adeguato. La commissione decider?e per i controlli si potr? utilizzare il telepass – collegato alla targa – oppure ricorrere all’auto-denuncia o altro ancora. Poi vedremo come poter fare materialmente le verifiche. L’unica cosa certa, al momento, ? che sugli? sconti e sulle riduzioni compensate dei pedaggi autostradali del prossimo anno ci sar?uesto meccanismo.

Nel 2006 l’Euro 4 sar?ealt? molti Paesi europei si stanno gi?ttrezzando fin da ora nel prevedere incentivi e agevolazioni fiscali a chi sceglier? nuovi mezzi. E in Italia?

Al momento non abbiamo previsto particolari regimi di agevolazioni fiscali o incentivi per quanto riguarda Euro 4 o superiori. Stanziamenti e risorse debbono essere infatti stabiliti da apposite leggi e al momento non ce ne sono di pronte. Ma occorre fare attenzione alle agevolazioni di cui stiamo parlando. La Ue infatti consente questo tipo di incentivi solo sulla differenza tra il veicolo sostituito e quello nuovo, calcolata come se il primo fosse Euro 3 e il secondo Euro 4. Perci?er esempio, se l’Euro 3 costa 75 mila euro e l’Euro 4 arriva a 78 mila euro, la Ue prevede il finanziamento su quei 3 mila euro di differenza; se quindi si possiede un Euro 0 del valore di 40 o 50 mila euro, il valore finanziabile non ?a differenza di 28 o 38 mila euro, ma sempre la cifra precedente.

Quindi state pensando di battere strade differenti?

S? Vorremmo avviare una serie di iniziative basate sul principio della tassazione, sempre nell’ottica di disincentivare l’utilizzo dei vecchi mezzi. Sulla tassa di possesso, per esempio, chi ha un Euro 0 se la vedr?riplicata, chi possieder?n Euro 4 la vedr?idotta, diciamo, del 30%.

 

Copyright 2004, Federtrasporti

Torna all'elenco degli articoli

UeT BLOG

La strada è fatta di asfalto e di veicoli che ci viaggiano sopra. Ma è fatta anche di parole che esprimono problemi, interessi, punti di vista. Parole a cui dedichiamo questo spazio che ognuno di voi può riempire. Perché sia una buona strada!

AREA RISERVATA
ABBONATI

Registra il tuo abbonamento sul sito e riceverai la password per accedere

COSTI DI
ESERCIZIO

L’evoluzione dei costi chilometrici, distinti per settori e percorrenze: uno strumento essenziale per preventivi e rinnovi contrattuali.

BACHECA
DEGLI ANNUNCI

Veicoli e attrezzature da vendere/acquistare, un servizio da offrire, un lavoro da cercare: un luogo di scambio lungo la supply chain.

DOMANDE
E RISPOSTE

Soluzioni pratiche ai dubbi che nascono nelle quotidiane amministrazioni di un’impresa di autotrasporto: le FAQ per la gestione aziendale.

12 febbraio 2009 alle 22:28

Sisi
le ho prese a napoli.. ma la tua amica di che colore le ha? scommetto beige.. paradossalmente quelle sono + facili da pulire perchè la pietra nn le dovrebbe scambiare.. le tue come sono?

Mi piace

13 febbraio 2009 alle 18:35

Ma la spazzolina di para non va bene?
Si trova in qualsiasi supermercato o dal calzolaio, si passa delicatamente in tutte le direzioni per togliere polvere, aloni e macchie leggere (per quelle grosse c'è una specie di gomma-pane), e poi in un senso solo per girare il camoscio nella direzione giusta.

Lo spray l'ho usato solo su scarpe nere, sui colori chiari avrei paura, perché non sarà mai lo stesso tono...ma neppure serve, secondo me.

Mi piace

13 febbraio 2009 alle 19:55

Ciao griorgiabella!
Ciao Giorgiabella!
Io le avevo color ghiaccio (e dico avevo perchè oramai non lo sono più ) e ricordo che i primi tempi,prima che mi rassegnassi e smettessi di pulirle quasi tutti i giorni,lo facevo con una gomma per cancellare,quella classica tutta bianca,che non pu scambiare! Gomma-pane mi pèare si chiami... Cmq la trovi facilmente in cartoleria.
Non t'aspettare miracoli,ma d'altronde anche con la pietra è la stessa cosa!
Dello spray nn so dirti! C'è quello per camoscio che usa mamma er pulire le scarpe di papa',ma sono tutte scure,col grigio non saprei...
Tornando alle tue Hogan,che modello sono? Interactive,New interactive,Olympia...? Grigio o ghiaccio? E l'H come ce l'hanno? Se metti una foto mi fai tato tanto contenta...

Mi piace

13 febbraio 2009 alle 20:04
In risposta a ro3erta

Ciao griorgiabella!
Ciao Giorgiabella!
Io le avevo color ghiaccio (e dico avevo perchè oramai non lo sono più ) e ricordo che i primi tempi,prima che mi rassegnassi e smettessi di pulirle quasi tutti i giorni,lo facevo con una gomma per cancellare,quella classica tutta bianca,che non pu scambiare! Gomma-pane mi pèare si chiami... Cmq la trovi facilmente in cartoleria.
Non t'aspettare miracoli,ma d'altronde anche con la pietra è la stessa cosa!
Dello spray nn so dirti! C'è quello per camoscio che usa mamma er pulire le scarpe di papa',ma sono tutte scure,col grigio non saprei...
Tornando alle tue Hogan,che modello sono? Interactive,New interactive,Olympia...? Grigio o ghiaccio? E l'H come ce l'hanno? Se metti una foto mi fai tato tanto contenta...

Giorgi' ...
Giorgi' ma sei di Napoli? E lo vuoi direeeeeee?
C'è una sorta di lavanderia che lava proprio scarpe di marca (Hogan,Gucci,Tod's e co.).
Non ci sono mai stata di persona,ma me ne hanno parlato bene.
Mi pare prendano 15,00 euro per lavarle,ma almeno vai sul sicuro! Certo si tratta di lavarle una volta ogni tanto a sti prezzi...
Altrimenti prova con gomma-pane (che le pulisce consumandole) e poi le "pettini" con le dita (pulite,mi raccomando ) e il phon. Niente acqua e niente saponi!
Aspetto di vederle,vorrei riprenderle anche io,sigh!

1 mi piace - Mi piace

13 febbraio 2009 alle 21:00
In risposta a cinderellashoes

Ma la spazzolina di para non va bene?
Si trova in qualsiasi supermercato o dal calzolaio, si passa delicatamente in tutte le direzioni per togliere polvere, aloni e macchie leggere (per quelle grosse c'è una specie di gomma-pane), e poi in un senso solo per girare il camoscio nella direzione giusta.

Lo spray l'ho usato solo su scarpe nere, sui colori chiari avrei paura, perché non sarà mai lo stesso tono...ma neppure serve, secondo me.

Spazzolina di para?
La pietra di cui parlo è la para.. la spazzolina nn ho capito qual' è.. quindi mi sconsigli lo spray? Sul foglietto all' interno della scatola parla proprio della gomma-pane.. penso proprio che la comprer.. anche perchè le mie hogan sono interamente in camoscio!

Mi piace

13 febbraio 2009 alle 21:09
In risposta a ro3erta

Giorgi' ...
Giorgi' ma sei di Napoli? E lo vuoi direeeeeee?
C'è una sorta di lavanderia che lava proprio scarpe di marca (Hogan,Gucci,Tod's e co.).
Non ci sono mai stata di persona,ma me ne hanno parlato bene.
Mi pare prendano 15,00 euro per lavarle,ma almeno vai sul sicuro! Certo si tratta di lavarle una volta ogni tanto a sti prezzi...
Altrimenti prova con gomma-pane (che le pulisce consumandole) e poi le "pettini" con le dita (pulite,mi raccomando ) e il phon. Niente acqua e niente saponi!
Aspetto di vederle,vorrei riprenderle anche io,sigh!

Weee si sono napoletana
veramente abito a 10 min. da Napoli.. cmq la gomma pane è diversa da quella semplice, quella pane è + morbida, si stacca e si modella con le dita (così mi pare.. la usavo a scuola), forse quella che usavi tu è la semplice, tipo la pelikan con la striscetta verde??
cmq ci sono un sacco di lavanderie che scrivono "si lavano Hogan, Timberland, ecc." secondo me lo fanno x pubblicità perchè si sa che tutti c chiediamo come pulire sto benedetto camoscio..

sono bellissime grigio chiare, interamente in camoscio con la H grande non rialzata traforata (ci sono dei buchini).. le ho pagate 230 euro.. c' erano bei modelli, anche + particolari ma io le volevo proprio così.. grigie e in camoscio.. nn c posso credere. oggi le ho indossate x la prima volta e mi sentivo alta e comoda allo stesso tempooo.. come ho potuto nn comprarle prima?

Sai dove posso trovare una bella borsa grigia? Da uni o da passeggio? Io finora nn ne ho viste di belle

Mi piace

13 febbraio 2009 alle 22:33
In risposta a giorgiabella

Spazzolina di para?
La pietra di cui parlo è la para.. la spazzolina nn ho capito qual' è.. quindi mi sconsigli lo spray? Sul foglietto all' interno della scatola parla proprio della gomma-pane.. penso proprio che la comprer.. anche perchè le mie hogan sono interamente in camoscio!

Sì, para...
sono strisce o rotolini di para attaccati in perpendicolare sul supporto, a formare una spazzolina...ma assolutamente non porta via il colore, dunque lo spray non serve; anche perché mi sembra davvero difficile trovare il color ghiaccio giusto.
Io sulle scarpe nere lo avevo spruzzato una volta sola, dopo anni di uso (e pulizia con la para!)
La gomma-pane della cartoleria non so se va bene, rischi che lasci giù dei pezzetti appiccicati; sempre al supermercato trovi una gomma bianca apposta per le scarpe. Per è per le macchie...per la pulizia normale la spazzolina è perfetta.

Mi piace

22 febbraio 2009 alle 1:56

Come pulire le hogan camoscio grigio chiaro
Ciao per pulirli ti consiglio di acquistare prodotti specifici per calzature di camoscio e nubuck. Puoi trovarli presso i calzolai.

Vi sono vari tipi di prodotti: uno shampoo liquido (che lo consiglio anche per per smacchiare), una schiuma shampoo (che ti serve per pulirli in profondità) ed una spazzolina per camoscio (per pulirli dallo sporco superficiale e ridarle il loro aspetto originale anche dopo la pulizia con lo shampoo).

Il consiglio è di pulirli con lo shampoo liquido e lasciarli asciugare qualche ora. Dopo con la spazzolina ripassi su tutto lo stivale per ravvivare il loro aspetto.

Il consiglio tecnico è di dare un Protector (solitamente spray) quando sono puliti, perchè quando sono sporchi non fa effetto. Questo prodotti protegge il pellame facilitando la sua pulizia.

Usando solo e sempre la pietra rischi di eliminare l'aspetto scamosciato. La pietra va bene per segni o sporco superficiale in un'area specifica dello stivale. Io sconsiglio di usarla per pulirli completamente.

Spero di esserti stato di aiuto.
Ciao!

Mi piace

11 aprile 2009 alle 23:28
In risposta a ro3erta

Giorgi' ...
Giorgi' ma sei di Napoli? E lo vuoi direeeeeee?
C'è una sorta di lavanderia che lava proprio scarpe di marca (Hogan,Gucci,Tod's e co.).
Non ci sono mai stata di persona,ma me ne hanno parlato bene.
Mi pare prendano 15,00 euro per lavarle,ma almeno vai sul sicuro! Certo si tratta di lavarle una volta ogni tanto a sti prezzi...
Altrimenti prova con gomma-pane (che le pulisce consumandole) e poi le "pettini" con le dita (pulite,mi raccomando ) e il phon. Niente acqua e niente saponi!
Aspetto di vederle,vorrei riprenderle anche io,sigh!

msg
ciao sm marianna sn anke io di napoli mi puoi dire l'indirizzo della lavanderia ke pulisce le hogan...io le ho prtate nel mio paese ma nn sono soddisfatta del servizio, sai ho un paio beage e si sporcano spesso quindi vorrei provare qst lavanderia grazie!!!!!!!!!!!!

Mi piace

12 aprile 2009 alle 10:27


lavatrice...programma delicato ottimo risultato

Mi piace

12 aprile 2009 alle 20:20

Sapone di marsiglia
Ciao!
Io le ho da un anno, le lavo spesso perchè i jeans strusciandoci sopra le sporcano facilmente.

Prendo il sapone di marsiglia quello per il corpo che è + delicato, la saponetta per intenderci, e passo poi sotto l'acqua corrente e strofino un p il sapone e passo con la spazzola bianca di plastica... sciacquo bene e lascio asciugare capovolte all'aria aperta.
Tornano nuove. Io eviterei la lavatrice per ogniuno fa come meglio crede.

Cmq viva il sapone di marsiglia!!!

Ciao
Paola

Mi piace

28 settembre 2009 alle 11:57
In risposta a piola1977

Sapone di marsiglia
Ciao!
Io le ho da un anno, le lavo spesso perchè i jeans strusciandoci sopra le sporcano facilmente.

Prendo il sapone di marsiglia quello per il corpo che è + delicato, la saponetta per intenderci, e passo poi sotto l'acqua corrente e strofino un p il sapone e passo con la spazzola bianca di plastica... sciacquo bene e lascio asciugare capovolte all'aria aperta.
Tornano nuove. Io eviterei la lavatrice per ogniuno fa come meglio crede.

Cmq viva il sapone di marsiglia!!!

Ciao
Paola

Hogan
ciao io ho comprato ieri delle hogan nere scamosciate cn la h in raso..sono fantastiche...ma mi hanno detto che il camoscio cn l'acqua si rovina....mentre tu addirittura le passi sotto l'acqua corrente com'è??dovrei fare il trattamento antipioggia al calzolaio per evitare che si tolga il pelo del camoscio ??grazie

1 mi piace - Mi piace

28 settembre 2009 alle 12:04
In risposta a alessandroshoes

Come pulire le hogan camoscio grigio chiaro
Ciao per pulirli ti consiglio di acquistare prodotti specifici per calzature di camoscio e nubuck. Puoi trovarli presso i calzolai.

Vi sono vari tipi di prodotti: uno shampoo liquido (che lo consiglio anche per per smacchiare), una schiuma shampoo (che ti serve per pulirli in profondità) ed una spazzolina per camoscio (per pulirli dallo sporco superficiale e ridarle il loro aspetto originale anche dopo la pulizia con lo shampoo).

Il consiglio è di pulirli con lo shampoo liquido e lasciarli asciugare qualche ora. Dopo con la spazzolina ripassi su tutto lo stivale per ravvivare il loro aspetto.

Il consiglio tecnico è di dare un Protector (solitamente spray) quando sono puliti, perchè quando sono sporchi non fa effetto. Questo prodotti protegge il pellame facilitando la sua pulizia.

Usando solo e sempre la pietra rischi di eliminare l'aspetto scamosciato. La pietra va bene per segni o sporco superficiale in un'area specifica dello stivale. Io sconsiglio di usarla per pulirli completamente.

Spero di esserti stato di aiuto.
Ciao!

Hogan
ciao io ho comprato ieri delle hogan nere scamosciate cn la h in raso..sono fantastiche...ma mi hanno detto che il camoscio cn l'acqua si rovina....mentre tu addirittura le passi sotto l'acqua corrente com'è??dovrei fare il trattamento antipioggia al calzolaio per evitare che si tolga il pelo del camoscio ??grazie sele

Mi piace

15 maggio 2010 alle 20:30


Come pulire le stivali camoscio chiaro

Mi piace

15 maggio 2010 alle 20:45

Leggo
il cartoncino che si trova all'interno della scatola delle scarpe: "per la pulizia si consiglia di utilizzare un panno morbido, appena inumidito, in latte detergente senza esercitare troppa pressione"

Mi piace

10 dicembre 2010 alle 9:43

Consiglio
ciao ho letto che hai comprato le hogan grigio chiato...siccome le sto acquistando per il mio ragazzo tu mi sapresti dire che tipo di grigio è?è tipo un color ghiaccio?o è più scuro?

Mi piace

14 maggio 2012 alle 16:47

Scarpe in pelle scamosciata
per le scarpe in pelle scamosciata io di solito uso acqua e sapone di marsiglia (sempre ottimo, l'importante è che sia puro al 100%)
cmq per altri consigli guarda qui http://goo.gl/NBXdm

2 mi piace - Mi piace

14 maggio 2012 alle 16:51
In risposta a rossella444

Leggo
il cartoncino che si trova all'interno della scatola delle scarpe: "per la pulizia si consiglia di utilizzare un panno morbido, appena inumidito, in latte detergente senza esercitare troppa pressione"

Io le mie le ho sempre pulite così
a volte anche con un po' di sapone, ma poco

Mi piace

16 ottobre 2012 alle 9:19

Per lavare le scarpe in camoscio
basta qualche goccia di shampoo! Ho trovato molti consigli qui http://bit.ly/PxqSW1

1 mi piace - Mi piace

Torna al forum
Thread precedenti
Numero di risposte
Ultimo post
Il dilemma del nero ai matrimoni: help me!
di: vavalax
12 risposte 12
20 marzo 2014 alle 23:02
La rivoluzione del bucato: dash ecodosi pods 3in1
di: alessandraquattro
2 risposte 2
20 marzo 2014 alle 22:09
Mi consigliate qualche outfit?
di: ilsoledentrodinoi
5 risposte 5
20 marzo 2014 alle 18:13
Surprise: le scarpe h&m sono comode!!!
di: carimba
3 risposte 3
20 marzo 2014 alle 18:03
Il look del giovedì!
di: dolcedgiorno
29 risposte 29
20 marzo 2014 alle 18:01
Ma tutti sti posts sugli uggs???
di: carriebit91
4 risposte 4
20 marzo 2014 alle 12:10
Vendo louis vuitton palermo pm originale
di: regina1973
9 risposte 9
20 marzo 2014 alle 9:05
Ugg....200 euri....ma siamo matti???
di: sara172007
15 risposte 15
20 marzo 2014 alle 8:08
Ugg - emu qual'e' migliore?
di: tobecool
8 risposte 8
20 marzo 2014 alle 8:08
Stivali ugg/emu
di: yoffolina
33 risposte 33
20 marzo 2014 alle 8:06

Ultimi thread dell'utente

  • E se doveste preparare una valigia x 3 mesi come me?

    9 agosto 2012 alle 20:28

  • Ho appena scoperto che il mio vestito per la seduta di laurea l'ha anche cleindori

    27 gennaio 2012 alle 16:23

  • Ot: bomboniera o confetti laurea..

    22 gennaio 2012 alle 15:57

  • Comprati gli ugg + macchia

    16 gennaio 2012 alle 14:29

  • Ugg in saldo.. quali prendo?

    9 gennaio 2012 alle 19:23

  • Dal post di giugi.. quali sono gli smalti migliori low-cost?

    24 gennaio alle 18:02

  • Che calze indossare con questo vestito (link) + calze con la riga dietro :cool

    19 dicembre 2011 alle 22:57

  • Urgente: cosa posso regalare insieme a uno smalto blu dior o chanel?

    18 dicembre 2011 alle 17:46

Thread più attivi

  • I NOSTRI ULTIMI ACQUISTI (discussione sempre aggiornata)

    bagsfetish

    28 novembre alle 11:06

  • URGENTE UGG ONLINE????? ACQUISTO SICURO?

    ilaryboems

    28 novembre alle 9:28

  • Stivali/tronchetti rossi

    bagsfetish

    27 novembre alle 1:44

  • Invitata matrimonio a Dicembre - Consigli outfit

    cococh4n3l

    26 novembre alle 19:49

  • idea tatuaggio?

    pantofolina93

    24 novembre alle 19:06

  • Ciglia finte

    isis9423

    21 novembre alle 18:04

Silk-épil 9 SkinSpa

Condividi
Sei in cerca di ispirazione? Su Instagram trovi le ultime novità e tendenze del mondo femminile!
instagram

REVITALIFT LASER X3

Condividi

Valle'

Condividi

ti potrebbe interessare anche

Come si abbinano i colori?
Redazione alfemminile
Mules e stivaletti. Ecco come abbinare le scarpe di tendenza della primavera
Redazione alfemminile
Come vestirsi a un matrimonio: i nostri consigli dall'abbigliamento agli accessori
Redazione alfemminile
Come vestirti se sei testimone di nozze: gli abiti e gli accessori da indossare
Redazione alfemminile
Come indossare l'oro?
Redazione alfemminile


Matrimoni e Ristoranti

Questo blog nasce per fornire un piccolo aiuto alle persone che si apprestano al matrimonio e che sono alla disperata ricerca di un ambiente dove possano sentirsi a proprio agio, che rispecchi appieno le loro esigenze e il loro modo di essere...

sabato

Castello medievale Castellamare di Stabia Napoli





Castello medievale: si tratta di un vero e proprio castello che si trova in provincia di Napoli, nella penisola sorrentina.


E' sicuramente un luogo molto suggestivo, ideale per chi cerca il "tipico" matrimonio in un castello, infatti il panorama è davvero molto bello, e lo stesso castello da fuori è molto suuggestivo, ne ho sentito parlare bene da più persone. Il costo è, per me, un pò alto, parliamo, infatti, di un fitto di circa 5600 euro, ai quali bisogna aggiungere l' iva e il costo del menu; questo prezzo vale fino a circa 150 invitati, se sale il numero delle persone, sale anche il costo del fitto. Il Castello medievale si appoggia a due catering in particolare,Galà Eventi e Perrotta catering (ho sentito parlare bene di tutti e due); credo, infine che sia possibile fare le foto sul posto.

56 Comments:

  • At 10:01 PM, Anonymous Anonimo said…

    A proposito di cerimonie a castellammare....cara luna, non ho ricevuto più informazioni sul grand hotel la medusa che si trova proprio lì e di cui ti avevo già chiesto di reperire materiale?sono ancora in attesa, non m'azzardo a prenotare perchè non so come si mangia e come è il servizio anche se ci sono stata e la struttura è molto bella. grazie

     
  • At 6:29 PM, Blogger luna said…

    Carissima, non ho ancora risposto perchè non ho ancora ricevuto informazioni certe, comunque ho sentito parlare tantissimo in giro di questa struttura,già questo mi sembra un buon segno. Spero di esserti utile al più presto, ciao.

     
  • At 9:56 AM, Blogger luna said…

    Ciao, finalmente sono riuscita a reperire informazioni su quest' hotel, puoi trovarlo sulla prima pagina del blog.Spero di esserti stata utile e che tu sia rientrata nei tempi prestabiliti.

     
  • At 11:06 PM, Anonymous Anonimo said…

    il castello medievale?una struttura incantevole,ideale x incorniciare un giorno meraviglioso come quello delle nozze.ho letto svariati annunci riguardo al fitto....potrei avere notizie piu' sicure al riguardo?grazie!

     
  • At 8:11 PM, Blogger luna said…

    Ciao, i prezzi comprensivi di iva dovrebbero aggirarsi intorno ai 6.200 euro, almeno queste sono le notizie che ho. Spero di esserti stata utile,ciao.

     
  • At 11:08 AM, Anonymous Anonimo said…

    Le società di catering non sono 2 ma 3,anche se quando si va a parlare da Solaria la terza non la nominano mai ed è In Tavola vi posso assicurare che sono bravissimi e pulitissimi;a differenza di Perrotta che a detta di chi con loro ha lavorato sono sporchi e maleducati

     
  • At 2:11 PM, Anonymous geoanton said…

    mi sono sposato nel 2002 con Perrotta, a cinque anni gli amici e gli invitati ne stanno ancora parlando. Spero di essere invitato come ospite per tornarci e godermelo tutto... Cmq. ve lo raccomando. P.s. Perrotta ha lavorato al meglio su mie indicazioni, Il miglior matrimonio a cui sono andati tutti i miei amici e parenti.

     
  • At 4:34 PM, Anonymous Anonimo said…

    Mai e poi mai il catering di Perrotta,scostumati,poco professionali,qualità del cibo pessima

     
  • At 1:21 PM, Anonymous Anonimo said…

    Non sapevo con certezza che fra i catering del Castello ci fosse anche Perrotta; il che ad onor del vero non depone a loro favore.Sono stato ad un Matrimonio organizzato da loro e solo ci penso mi vengono i brividi per le scene a cui ho assistito,ancora peggio la qualità del cibo.

     
  • At 6:33 PM, Anonymous Anonimo said…

    IL CASTELLO MEDIEVALE DI CASTELLAMARE è UNA BELLISSIMA STRUTTURA ,CI SONO STATA ,MA QUANDO SI è IN TANTI CI MANGIA IN UN GAZEBO ESTERNO E POI NON SI MANGIA PER NIENTE BENE TUTTO FREDDO E POI NEMMENO IL SERVIZIO è UN GRANCHè

     
  • At 1:23 PM, Anonymous Anonimo said…

    Salve ragazzi!
    Qualcunoi saprebbe dirmi qualcosa a proposito dell'hotel medusa di castellamare?
    Del tipo, coma si mangia, il costo a persona, capienza della sala, qualità del servizio!
    grazie...kiss!

     
  • At 1:24 PM, Anonymous Anonimo said…

    se volete garanzia di qualità rivolgetevi al catering l'angelica!
    è il migliore in tutta campania!

     
  • At 2:14 PM, Anonymous Anonimo said…

    Sto cercando di organizzare la cerimonia del mio matrimonio in costiera. Il problema principale è che ho la possibilità di avere il catering come regalo di matrimonio (!!!), essendo la famiglia di mio padre esperta in ristorazione ed organizzazione di eventi. Ma nessuno vuole concedere la struttura senza catering! Lo trovo assurdo, a me piace parecchio il CASTELLO MEDIOEVALE, ma trovo ingiusto che non si dia la possibilità di fittare solo il locale. Hai qualche suggerimento?...

     
  • At 8:03 PM, Anonymous Anonimo said…

    Allora,per quanto riguarda l'Hotel Medusa io la sconsiglio altamente pechè non è un ganchè e non si mangia molto bene. Per quanto rigurda il Castello a parte la poca professionalità della società che gestisce il Castello, vale a dire la Solaria, dove tutte sono veramente svilenti. E forse questo quello che accade a chi ha tra le mani un prodotto che si vende da solo ma non sanno minimamente come potenziarlo e dargli ancora maggir risalto.Insomma per quanto rigurda Solaria ed il personale la bocciatura è in pieno. Per le società di catering; di Perrotta inutile parlare si commenta da sè per la cattiva gestione del personale il quale con ogni probabilità prima di essere assunto è sottoposto ad un test di cattiva educazione minima da superare. per il cibo qualità scadente presentazioni da cafoni napoletani senza tralasciare che il catering in questione è lagato a una nota famiglia di camorristi quindi pensate bene a chi andate a dare i vostri soldi (che non sono pochi);Galà molto raffinato fatevi seguire dalla Dott De Pascale professionale competente dalla battuta pronta,Non altrettanto può dirsi Di tale Ketty molto sulle sue molto calata nella parte della proprietaria o meglio della moglie del proprietario che ha trovato una collocazione anche a lei. In Tavola quando andate a parlare con loro nella sede di Salerno evitate tale Sig Sergio vi smonterà le vostre fantastiche idee, la cucina è ottima sebbene ultimamente gestendo più eventi contemporaneamente la qualità è scesa parecchio rispetto all'inizio.Per il momento niente più. Buona serata a tutti e Buon Matrimonio a tutti

     
  • At 12:33 PM, Blogger anonima86 said…

    ciao io conosco benissimo il catering gala eventi che si occupa anch esso dei ricevimenti al castello medievale e posso divrvi che la qualita degli chef e la loro preparazione e ottima,anche quella del cibo.e posso garantirvi che con loro farete una bellissima cerimonia e garantito al 100% fidatevi

     
  • At 7:11 PM, Blogger lupina said…

    Ragazzi mi sono sposata al castello medioevale il 26 giugno di quest'anno è stato tutto organizzato a meraviglia. La location meravigliosa, il cibo preparato da Perrota sublime e la musica e lo spettacolo di pulcinella incantevole e curata dal gentilissimo Pietro. Da nn dimenticare il wedding k ha curato il tutto nei minimi dettagli: Armando Sarracino. A dispetto di quanto ho letto, non è assolutamente vero di ciò che hanno scritto riguardo a Perrotta che è un vero maestro della cucina, non dimentichiamo che organizza manifestazioni nazionale ed internazionali tra le ultime quella con la Montalcini. Io credo che il negativo dichiarato su di lui sia una pessima trovata di chi vuole farsi pubblicità con il proprio catering!Quelli k hanno accesso al castello sono Tortora e Perrotta..io vi consiglio l'ultimo!!!

     
  • At 2:24 PM, Anonymous Anonimo said…

    CIAO E POSIBILE SAPERE UN PO' I PREZZI DEI CATERIG A PERSONA GRAZIE

     
  • At 11:39 PM, Anonymous Anonimo said…

    sono stata al grand hotel medusa alla fine di luglio per un matrimonio;posso assicurare che il cibo era ottimo, non scontato, al buffet di apertura c'erano delle creme di formaggio buonissime e sushi , che in genere non gradisco, mi sono ricreduta. Il servizio impeccabile e le decorazioni erano molto belle. Lo consiglio per un matrimonio estivo. Il giardino/parco è davvero suggestivo

     
  • At 1:54 PM, Anonymous Anonimo said…

    Sono stata invitata alla cena di gala del cinema e dello spettacolo al castello che si terrà sabato 18 ottobre. Sapete dirmi di piu'? Aiutatemi non so cosa indossare!!!!!!!!!

     
  • At 1:02 AM, Anonymous Anonimo said…

    ok

     
  • At 1:02 AM, Blogger faby said…

    contattami 3282825334

     
  • At 1:03 AM, Blogger faby said…

    bia

     
  • At 1:04 AM, Blogger faby said…

    chiama al 3286543334

     
  • At 3:55 PM, Anonymous Anonimo said…

    salve ragazzi, srivo per darvi notizie sul grande hotel la medusa; è molto bello ha un giardino molto grande curato e li avviene il beffe, ha due sale una a l'ultimo piano "ce una veduta bellissima e l'altra al piano terra. Si mangia bene un menu molto sopraffino,le camere sono stupende, cosa posso dire di più lo scelto io quando mi sono sposata un anno e mezzo fa e ho pagato 100 euro a persona, adesso però costerà di più. ve lo consiglio

     
  • At 9:38 PM, Anonymous Anonimo said…

    ho visto la preparazione di un matrimonio di perrotta, per gli allestimenti è alla grande ma si appoggiano ad un'altra ditta...in quanto a pulizia se tenete alla salute rivolgetevi altrove, molto meglio sire, perrotta lava tutto ciò in cui mangiate senza lavastoviglie. Ho visto i camerieri maleducati ma allo stesso tempo sfruttati lavare bicchieri in vasche lercissime, per non parlare dei piatti sciacquati alla meglio e puliti con un po' di carta. Vi basta andare a vedere l'albergo adelaide di marano a cui si appoggia...l'asl dovrebbe chiuderlo...

     
  • At 6:03 PM, Blogger Gatto said…

    Cia Luna, vorrei saper se il prezzo di 6000 euro per il castello medievale di castellammare di stabia sia solo un fitto oppure anche comprensivo di addobbo floreale e tutto qnt concerne la prepazione di una location per un matrimonio. Grazie

     
  • At 1:55 PM, Anonymous dany said…

    ma quanto costa a persona il castello a parte l'affitto mi risponda chi ci è andato per favore. e perchè devo andare prima a Napoli a parlare con loro prima di andare al castello.

     
  • At 3:59 PM, Blogger vittoria said…

    al castello di castellammare lavora anche il catering IN TAVOLA, di cui io sono la responsabile su Napoli se vuole può contattarmi al 349/8501697

     
  • At 9:54 AM, Anonymous Anonimo said…

    anonimo, per la medusa posso dirti che nn solo è bellissima ma si amngia anche molto bene e hanno un buon servizio, si è sposato mio fratello li e ti assicuro che ha avuto solo complimenti

     
  • At 12:30 PM, Anonymous Anonimo said…

    Sono sconvolta dalle descrizioni di Perrotta. Volevo organizzare il mio matrimonio al Castello... ma a questo punto, quasi cambio idea. Aiuto! Non capisco se sono commenti veri o solo azioni di concorrenti. Aiutatemi!

     
  • At 2:31 PM, Anonymous Anonimo said…

    credo semplicemente che chi abbia scritto su Perrotta sia qualcuno contro...il servizio è efficientissimo...maleducati??? Si è sposata mia sorella con questo catering, e oltre un ottimo cibo, un buffet infinito, ma addirittura c'era una ragazza laureata a servirmi, tanti di loro studenti...la maleducatezza sta nei cafoni che si permettono di dire cavolate..ciò non toglie che potrebbe essere stato un servizio diverso dal mio..

     
  • At 6:34 PM, Anonymous Antonella said…

    Credo che i commenti negativi su Perrotta derivano dal Sign. De Pascale, il quale contende con Perrotta i matrimoni che si svolgono al Castello Medioevale. Mi sono sposata al Convivio Eventi, un incantevole posto sul mare a 500 metri + avanti del Castello, con Catering Perrotta, i miei invitati ne stanno ancora parlando per quanto sia stato splendido. Lo consiglierei a chiunque. Ciao a tutti!!

     
  • At 6:00 PM, Blogger francesca said…

    ciao a tutti,volevo rispondere a chi ha scritto di gala eventi e di ketty...io ho avuto a che fare con la signora ketty ed oltre a trovarla simpatica e disponibile,ho trovato che abbia il buongusto tipico di una donna di classe come lei,comunque anch'io consiglio questa location e se posso darvi il consiglio sul catering vi dico Gala indubbiamente.

     
  • At 8:29 PM, Anonymous Anonimo said…

    ma che ridicola certa gente che scrive certe cavolate per screditare gli altri , sporchi? cafoni? maleducati? ci poteva anche stare se si voleva fare un danno a qualcuno ma scrivere cose schifose come "associati ad una famiglia di cammoristi" no , dovreste solo vergognarvi di come svolegete il vostro lavoro denigrando gli altri, vorrei solo ricordare a chi ha scritto queste cose che tramite polizia postale i diretti interessati potrebbero sempre querelarvi e denuciarvi per diffamazione e concorenza sleale.Trovo molto strano che qualcuno che per di piu si firma come anonimo e che quindi non ha il coraggio di mostrarsi denigri cosi gratuitamente qualcuno , ci sarebbere modi e modi.Invito quindi queste persone che e chiarissimo e lampante capire chi sono di evitare certi trucchetti inutili , io mi sono sposata con Perrotta e certe cose oltre che darmi fastidio perche false non fa pero che rendermi felice 2 volte , la prima per l ottima riuscita del mio matrimonio e la seconda per non aver scelto gli altri.Fabiana

     
  • At 1:18 PM, Anonymous Anonimo said…

    Cerchi un vero castello medioevale in penisola Sorrentina per il tuo giorno più bello? Siamo la Solaria Service e vi proponiamo il castello Medioevale di Castellammare di Stabia, dimora storica privata. Storia, fascino ed arte trasmessi da ogni angolo del castello fanno da cornice ai più prestigiosi eventi di gala destinati a chi ricerca originalità e importanza di svolgere il proprio ricevimento in un vero Castello Medioevale con una spettacolare vista sul mare e sul Vesuvio. Contattaci allo 081 2466193/94 e visita www.castellomedioevale.com Grazie Nunzia

     
  • At 1:18 PM, Anonymous Anonimo said…

    Cerchi un vero castello medioevale in penisola Sorrentina per il tuo giorno più bello? Siamo la Solaria Service e vi proponiamo il castello Medioevale di Castellammare di Stabia, dimora storica privata. Storia, fascino ed arte trasmessi da ogni angolo del castello fanno da cornice ai più prestigiosi eventi di gala destinati a chi ricerca originalità e importanza di svolgere il proprio ricevimento in un vero Castello Medioevale con una spettacolare vista sul mare e sul Vesuvio. Contattaci allo 081 2466193/94 e visita www.castellomedioevale.com Grazie Nunzia

     
  • At 9:37 AM, Anonymous Anonimo said…

    Le cerimonie che più sono riuscite sono quelle di sire....ma sicuramente numero 1 in Campania se guardiamo la realtà napoletana....ma si può definire a livello nazionale....hanno uno staff bellissimo ricordo quando andai come invitata mi servi una ragazza tanto gentile quanto alta!!!! Il cibo tutto buonissimo allestimenti bellissimi...insomma tutto impeccabile!!!!!

     
  • At 11:04 AM, Blogger Castello Medioevale said…


    Carissimi sposi,
    siamo la Solaria Service (tel.081-2466193/94) che cura in esclusiva il Castello medioevale di
    Castellammare di Stabia, vi invitiamo a visitare il nuovo sito del castello www.castellomedioevale.com .
    Contattateci, ci saranno particolari vantaggi per tutti voi!
    Compilate il form che trovate nel sito, vi ricontatteremo subito!!!

    Solaria Service

     
  • At 7:52 PM, Anonymous Ginevra Montecorvo said…

    Mi sono trovata in modo del tutto casuale a visitare questo blog e sono rimasta assolutamente sconvolta nel constatare che in questo spazio venga consentito a chiunque d'infangare gravemente il lavoro e la reputazione delle persone, senza in alcun modo moderare né verificare il contenuto di commenti ed opinioni. Esprimere un parere è un fatto assolutamente lecito, tutt'altra cosa è diffamare pesantemente e gravemente un individuo e la sua attività professionale.
    Prenderò io stessa provvedimenti,
    cercando di mettermi in contatto con il signor Perrotta, che conosco da molti anni e che ha organizzato per me numerosi prestigiosi eventi anche internazionali, per suggerirgli di procedere legalmente contro chi, nell'assoluto vile anonimato utilizza uno spazio come questo, per assurde e losche manovre commerciali. C'è un limite alla decenza, ma anche e soprattutto alla libertà di parola, qualora questa, senza alcuna fondata prova, leda e nuoccia gravemente alla reputazione di una persona e della sua professionalità. Consiglio inoltre a chi gestisce questo forum, di controllare e seguire con scrupolosità la veridicità delle pesanti affermazioni che in alcuni casi sono state fatte. Non credo sia opportuno nè legalmente possibile mostrare la gravità di certe affermazioni

     
  • At 7:53 PM, Anonymous Ginevra Montecorvo said…

    Mi sono trovata in modo del tutto casuale a visitare questo blog e sono rimasta assolutamente sconvolta nel constatare che in questo spazio venga consentito a chiunque d'infangare gravemente il lavoro e la reputazione delle persone, senza in alcun modo moderare né verificare il contenuto di commenti ed opinioni. Esprimere un parere è un fatto assolutamente lecito, tutt'altra cosa è diffamare pesantemente e gravemente un individuo e la sua attività professionale.
    Prenderò io stessa provvedimenti,
    cercando di mettermi in contatto con il signor Perrotta, che conosco da molti anni e che ha organizzato per me numerosi prestigiosi eventi anche internazionali, per suggerirgli di procedere legalmente contro chi, nell'assoluto vile anonimato utilizza uno spazio come questo, per assurde e losche manovre commerciali. C'è un limite alla decenza, ma anche e soprattutto alla libertà di parola, qualora questa, senza alcuna fondata prova, leda e nuoccia gravemente alla reputazione di una persona e della sua professionalità. Consiglio inoltre a chi gestisce questo forum, di controllare e seguire con scrupolosità la veridicità delle pesanti affermazioni che in alcuni casi sono state fatte. Non credo sia opportuno nè legalmente possibile mostrare la gravità di certe affermazioni

     
  • At 3:55 PM, Anonymous Anonimo said…

    il blog è uno spazio di confronto ed espressione libera.
    se son state espresse opinioni pessime non si chiede di condividerle ma di leggere e rispettarle.
    tutti sono liberi di pensare ed esprimersi.

     
  • At 11:09 PM, Anonymous Anonimo said…

    Quante code di paglia ... chi lavora bene non ha bisogno di difendersi, secondo me. Non sono del campo , ma quando ci si butta a capofitto contro una critica, il tutto puzza di coda di paglia e consapevolezza che forse qualcosa si dovrebbe migliorare...il silenzio resta comunque più dignitoso. Piuttosto direi ad alcuni: signori, l'Italiano per favore!...l'italiano!!!! Altrimenti una location così "chic" sarebbe cmq una spesa sprecata....Per il prezzo del catering penso proprio che per chiamata e preventivo non si paga ;)

     
  • At 11:55 AM, Blogger Lili Wang said…

    20150704wanglili
    oakley sunglasses outlet
    abercrombie outlet
    jeremy scott adidas
    christian louboutin outlet
    louis vuitton outlet
    ray ban uk
    hollister clothing
    michael kors handbags
    black timberland boots
    longchamp handbags
    oakley sunglasses
    hollister clothing
    lebron james shoes 2015
    jordan 3s
    hollister
    michael kors outlet
    burberry outlet
    hollister kids
    oakley sunglasses wholesale
    cheap toms
    coach factory outlet
    chanel handbags
    coach outlet
    michael kors
    louis vuitton handbags
    hollister outlet
    michael kors outlet
    ray ban uk
    mulberry handbags
    louis vuitton
    mont blanc pens
    gucci
    kate spade handbags
    ed hardy clothing
    oakley sunglasses
    michael kors

     
  • At 5:43 AM, Blogger Unknown said…

    jordan 11
    michael kors handbags
    air jordan 8
    true religion
    abercrombie
    concord 11
    kobe bryant shoes for kids
    louis vuitton purses
    cheap oakley sunglasses
    cheap lebron james shoes
    pandora rings
    ralph lauren
    burberry handbags
    abercrombie & fitch
    soccer jerseys
    gucci outlet online
    tods sale
    chanel outlet online
    gucci bags
    louboutin femme pas cher
    jordan 11 retro
    louis vuitton
    toms.com
    tory burch outlet online
    michael kors outlet
    running warehouse
    cheap ray ban sunglasses
    kate spade purses
    coach bags
    jordan shoes
    retro jordan
    tods shoes outlet
    timberland canada
    coach outlet online
    cheap nfl jerseys
    20150707xiong

     
  • At 8:37 AM, Blogger Gege Dai said…

    15.07.14daigege
    toms outlet
    gucci outlet
    louboutin pas cher
    cheap beats headphones
    cheap jordans for sale
    oakley sunglasses wholesale
    coach outlet online
    nike air max
    true religion outlet
    nike air force
    sac longchamp
    jordan homme
    ray ban uk
    mcm handbags
    cheap ray ban sunglasses
    michael kors
    hollister clothing
    borse louis vuitton
    burberry outlet online
    ralph lauren
    nike blazer low
    chanel bags
    pandora charms
    coach outlet
    ed hardy
    burberry handbags
    ed hardy clothing
    oakley sunglasses
    rolex watches
    cheap ray ban sunglasses
    tory burch outlet
    true religion
    nike tn pas cher
    coach outlet online
    ray ban sunglasses


     
  • At 3:04 AM, Blogger mmjiaxin said…

    replica watches
    oakley sunglasses
    ralph lauren outlet
    mont blanc pens
    replica handbags,replica handbags outlet,cheap handbags,purses and handbags,wholesale replica handbags,replica bags,bags outlet,replica handbags wholesale,cheap purses,discount handbags,handbags sale,wholesale purses,handbags and purses,replica purses
    belstaff outlet
    michael kors outlet online
    babyliss flat iron
    oakley sunglasses wholesale
    abercrombie and fitch
    nike trainers
    michael kors handbags clearance
    tiffany jewelry
    uggs outlet
    cheap jordan shoes
    michael kors outlet
    oakley sunglasses
    rolex watches for sale
    tiffany outlet
    lululemon pants
    mm1228

     
  • At 3:14 AM, Blogger 柯云 said…

    2015-12-29keyun
    ugg boots outlet
    michael kors outlet
    michael kors handbags
    vans sneakers
    michael kors handbags
    ugg australia
    louis vuitton purses
    mont blanc pens
    coach outlet
    michael kors outlet
    louis vuitton bags
    ugg boots clearance
    oakley store
    louis vuitton outlet stores
    louis vuitton outlet
    michael kors outlet
    jordan retro 11
    ralph lauren sale
    toms
    coach outlet online
    the north face jackets
    cheap ray ban sunglasses
    nike air max
    coach clearance
    cheap oakley sunglasses
    michael kors outlet
    uggs on sale
    michael kors outlet
    north face jackets
    timberlands
    ugg boots outlet
    gucci handabgs
    oakley sunglasses
    louis vuitton outlet online
    uggs on sale
    chanel bags
    louis vuitton
    the north face jackets
    michael kors outlet
    nike air max uk

     
  • At 8:30 AM, Blogger Gege Dai said…

    20160104xiaodaige
    longchamp handbags
    the north face outlet
    toms outlet store
    belstaff outlet
    coach outlet
    swarovski outlet
    oakley sunglasses
    michael kors outlet
    asics,asics israel,asics shoes,asics running shoes,asics israel,asics gel,asics running,asics gel nimbus,asics gel kayano
    salomon shoes
    toms outlet
    coach outlet online
    canada goose jackets
    tory burch sale
    air force 1 shoes
    michael kors handbags
    ugg boots sale
    wellensteyn outlet
    rolex watches outlet
    snapbacks wholesale
    mbt shoes outlet
    uggs outlet
    true religion canada
    true religion jeans sale
    air max 90
    tory burch outlet online
    longchamp outlet
    longchamp handbags outlet
    longchamp handbags
    longchamp outlet
    lululemon uk
    abercrombie and fitch
    cheap nfl jersey
    nike trainers
    ugg outlet

     
  • At 11:48 AM, Blogger dong dong23 said…

    celine
    michael kors outlet online
    michael kors handbags
    instyler curling iron
    michael kors outlet
    louis vuitton handbags
    louis vuitton handbags
    air jordan retro
    michael kors outlet
    true religion outlet
    kate spade handbags
    coach outlet
    hollister outlet
    louis vuitton handbags
    michael kors handbags
    supra sneakers
    louis vuitton outlet
    replica watches
    hollister kids
    michael kors handbags
    oakley sunglasses wholesale
    coach outlet store online
    kate spade handbags
    celine
    jordans for sale
    nike free run
    adidas stan smith
    gucci outlet
    louis vuitton
    air jordan 13
    nike roshe run
    michael kors
    michael kors handbags
    louis vuitton outlet
    gucci
    juicy couture
    michael kors outlet
    coach factory outlet
    ray ban sunglasses
    coach factory outlet
    20165.18wengdongdong

     
  • At 9:19 PM, Blogger ksaalrawda said…

    تعد الاخلاص افضل شركة تنظيف ومكافحة حشرات بالطائف فهى تقدم افضل الخدمات وباقل الاسعار لانها تتميز بانها افضل :
    افضل شركة رش مبيدات بالطائف
    افضل شركة مكافحة حشرات بالطائف
    افضل شركة تنظيف خزانات بالطائف
    افضل شركة تنظيف بالطائف
    افضل شركة تسليك مجاري بالطائف
    افضل شركة عزل اسطح بالطائف
    افضل شركة تنظيف منازل بالطائف
    افضل شركة نقل عفش بالطائف
    افضل شركة تنظيف مجالس بالطائف
    ________
    شركة عزل خزانات بالطائف
    ______________

    نستخدم افضل المبيدات في عمليات الرش للقضاء النهائي على الحشرات بجميع انواعها ونوفر عدة خدمات تنظيف اخرى فدوما يمكنك الاتصال بنا للحصول على افضل الخدمات وباسعار مناسبة
    شركة رش مبيدات بالرياض
    افضل شركة تنظيف خزانات بالرياض
    شركة عزل اسطح بالرياض
    افضل شركة تنظيف بالخرج
    شركة نقل اثاث بالخرج
    شركة ترميم منازل بالرياض
    معلم دهانات بالطائف
    شركة تنظيف المنازل بالباحة
    افضل شركة رش مبيدات بالباحة

     
  • At 10:37 AM, Blogger raybanoutlet001 said…

    michael kors handbags sale
    kobe byrant shoes
    true religion jeans
    true religion store
    ralph lauren polo shirts
    jordans for cheap
    cheap oakleys
    ray ban uk,cheap ray ban sunglasses
    cheap basketball shoes
    oakley sunglasses
    mlb jerseys
    cheap real jordans
    kobe basketball shoes
    chrome hearts online store
    cheap nfl jerseys
    michael kors outlet
    links of london sale
    kobe shoes
    louboutin shoes
    michael kors outlet online
    michael jordan shoes
    michael kors factory outlet

     
  • At 2:34 PM, Anonymous Anonimo said…

    vorrei regalare l'attività' dei sbandieratori a degli amici che hanno intenzione di sposarsi il prossimo anno .Gradirei sapere il costo approssimativo ed eventuali suggerimenti.

    Enzo

     
  • At 7:57 AM, Blogger Gege Dai said…

    basketball shoes
    nike roshe
    canada goose outlet
    tiffany jewellery
    uggs outlet
    nike air max uk
    ysl outlet
    cheap oakley sunglasses
    pandora jewellery
    ferragamo outlet
    20161207lck

     
  • At 8:45 AM, Blogger raybanoutlet001 said…

    louis vuitton sacs
    cheap basketball shoes
    mont blanc pens
    seahawks jersey
    north face
    nike huarache
    pandora jewelry
    nike tn pas cher
    hermes belts
    michael kors handbags wholesale

     
  • At 5:46 AM, Blogger Unknown said…

    coach outlet
    jimmy choo shoes
    cheap nike shoes
    supra shoes sale
    adidas nmd
    louis vuitton pas cher
    air max 90
    ecco shoes outlet
    christian louboutin
    atlanta falcons jersey
    20170416

     
  • At 10:49 AM, Blogger aaa kitty20101122 said…

    adidas neo
    nike roshe run
    pandora uk
    yeezy shoes
    curry 3 shoes
    authentic jordans
    kobe 11
    adidas tubular
    cheap jordans
    adidas tubular

     

Posta un commento

<< Home